menu
TORNA A Progettazione

Unigraphics NX: L’Evoluzione

Maggiori Informazioni

La mia storia di amicizia con l’allora Unigraphics nasce il 1° di Luglio del 1997, quando inizio a collaborare con la MotoGuzzi di Mandello del Lario. A quel tempo era appena uscita la Versione 13 che girava su piattaforma UNIX e, vista la mancanza di formazione specifica avevo iniziato a lavorare da autodidatta riuscendo a portare a termine la costruzione di tutti i modelli 3D e le relative tavole 2D di un motore.
Conservo ancora quei disegni che rappresentano il mio inizio in questo mondo, da quell’esperienza ho tratto vari insegnamenti:

1) se vuoi sfruttare in pieno le potenzialità di un sistema, devi avvalerti di una formazione adeguata e usare la consulenza degli esperti per essere operativo nel minor tempo possibile.
2)
 se sbagli l’acquisto del tuo sistema CAD e scegli un sistema troppo rigido, non arrivi in fondo al tuo lavoro e butti via un sacco di soldi….fortunatamente con NX ne esci sempre indenne!
3)
 il primo lavoro che fai ti resta nel cuore, ma quando lo riguardi a distanza di tempo, ti metti le mani nei capelli per come lo avevi fatto!!

La mia collaborazione con la MotoGuzzi termina a Luglio 1999 quando sul mercato c’era la versione 15.
Quella release la ricordo come l’ultima dell’interfaccia orribile classica dei sistemi Unix con pochissime icone e molti menù a tendina con sottomenù di sottomenù. In Autunno 2009 prende vita la mia collaborazione con la Unigraphics Solution e subito inizio con un piano di formazione che mi porterà nei primi mesi del 2000 a diventare un istruttore certificato.

Finalmente arriva la Unigraphics 16 che è il primo vero “breakthrough“. Unigraphics viene riscritto per il sistema operativo della Microsoft (allora era in commercio Windows NT). Prima di allora se volevi usare Windows potevi farlo ma solo tramite un emulatore che se non sbaglio si chiamava Hummingbird…. un vero calvario di problemi di coesistenza tra questo emulatore e le varie schede video. La Unigraphics 16 si dimostra subito come una release da non perdere ed infatti tutti i corsi tenuti quell’anno li feci in quella versione.
Il primo corso lo ricordo ancora molto bene e fu presso Antonio Carraro Trattori, nei pressi di Padova ed è solo il primo dei vari corsi in aziende importanti che mi è capitato di frequentare negli anni. Beretta armiSame Trattori e Ducati sono solo alcuni dei nomi eccellenti, mentre molte sono le aziende medio-piccole che si dotano di questo potente sistema. Il corso più significativo sia per me personalmente che penso anche per la Unigraphics fu quelli che tenni in Fiat auto nella primavera del 2000 dove mi ritrovai in aula 2 persone per ogni ente Fiat (motori, carrozzerie, cambi etc).

La Unigraphics 17 che arrivò nella seconda metà del 2000 fu una release di assestamento mentre una versione di nuovo importante fu la Unigraphics 18 del 2001.
Come consuetudine molte grandi aziende installano una versione si e una no e la Unigraphics 18 fu una di quelle imperdibili. La particolarità di quest’ultima versione è dovuta al fatto di essere stata l’ultima ufficiale col vecchio nome Unigraphics. Quest’ultimo infatti esce di scena lasciando il posto ad NX nel 2002 per un semplice motivo. L’acquisizione di SDRC col suo CAD I-DEAS innescano un percorso di avvicinamento dei due software che per motivi strategici non può essere fatta in maniera traumatica essendoci clienti importanti sia da una parte che dall’altra (vedi Fiat lato Unigraphics e Ford lato I-deas). Io sul fronte I-deas non ho molte informazioni delle evoluzioni che ha avuto negli anni, ma ho ben chiaro cosa di buono è confluito in NX. I-deas era ed è tuttora un software molto valido soprattutto su argomenti CAE e NX ne trae giovamento fin da subito.

Le versioni si susseguono di anno in anno NX2Nx3Nx4 (2006). Non ho ricordi specifici legati a queste versioni se non l’affetto che provo pe rla NX4 per essere stata la versione di esordio per Team3d come rivenditore NX o per i nostalgici rivenditore Unigraphics. (Dealer NX se vogliamo usare termini tecnici di settore) ma in questi anni ho maturato una convinzione. Tutti si lamentano che nelle versioni nuove non ci siano miglioramenti sostanziali, ma sfido chiunque dopo un mese di lavoro su una versione nuova a ritornare su quella vecchia. Cosa significa questo? Significa che il miglioramento è costante e concreto. In tutti questi anni  ho visto i menù evolversi e migliorarsi più di una volta. NX oltre che ad essere un CAD molto potente ora diventa anche “user friendly“. L’interfaccia si migliora di volta in volta fino ad essere quello spettacolo che è oggi.
Nel 2007 esce la NX5 e questa versione la ricorderò come la prima ad aver cambiato le mitiche “mating conditions” per lasciar spazio agli “assembly constrain”, una svolta che è andata a rinforzarsi nel 2008 con NX6. Per i sistemisti la versione NX5 è stata anche l’ultima in cui il file di licenza, basato su FlexLM, sfruttava la porta 27000 per la gestione del server di licenza per lasciar spazio all’attuale porta 28000. Una particolarità di NX è sempre stata quella di poter usare tutte le versioni passate con un unica licenza. Oggi questo è ancora possibile, ma se vuoi lavorare con la versione NX4 o precedente devi richiedere un file di licenza apposito, ovviamente gratuito. Nel 2009 esce la versione NX7 che è una versione di assestamento perché la vera novità è l’uscita della versione NX7.5 avvenuta il 21 Maggio di quest’anno. Per la prima volta si assiste ad una numerazione che comprende una “minor release” e questo francamente non ho ancora capito oggi il perché, ma forse come diceva quel politico famoso…..“purché se ne parli”!
Quindi ad oggi sono 13 anni che lavoro con NX e ormai sono 14 le versioni viste ma la cosa che mi galvanizza di più è vedere come l’evoluzione sia stata continua e addirittura aumentata in questi ultimi anni.
Siemens
 è sicuramente una società che investe molti soldi per migliorare NX e si vede! Ci sono software dal marcato accento francese che ogni tot anni stravolgono il proprio software, causando perdite di leggibilità tra i vari formati…. NX non stravolge…. evolve.
Altri software che in passato hanno fatto la storia del parametrico si sono addormentati sugli allori , forse deconcentrandosi, forse a corto di idee, fatto sta che fermandosi hanno perso il treno della concorrenza. NX è come un rullo compressore e avanza inesorabilmente!
Tutto questo poema è la raccolta di mie impressioni personali e di come io abbia vissuto questa evoluzione.
Commenti e critiche sempre ben accetti

Mauro Barra
(titolare Team3d
)
mauro.barra@team3d.it

TOP